Blog

Facebook, come utilizzarlo per un Negozio

Facebook è il social più utilizzato in Italia, ma sono pochi i negozio che lo utilizzano in maniera professionale. Creando un pubblico e contatti che possano tramutarsi in vendite. Questo non è un corso su come utilizzare Facebook, ma sono delle indicazioni che possono essere utili alla tua attività imprenditoriale anche a low budget.

Come creare una Pagina Facebook aziendale

Facebook ha previsto due tipologie di profili, quello privato e personale, e quello aziendale. Si tratta di due concetti ben definiti, per questo motivo non bisogna promuovere la propria azienda o negozio che sia, mediante una pagina personale. Il primo passo da fare è creare un profilo aziendale. Il Social Media, vi chiederà i dati della vostra attività, e vi consentirà di caricare una vetrina, dove promuovere i vostri prodotti e/o servizi. Senza dilungarci in un tutorial, vi rimandiamo alla pagina ufficiale di Facebook, per la creazione di un profilo aziendale.

Facebook Shop come funziona

Come anticipato, il profilo aziendale, vi permetterà di caricare i vostri prodotti. Affinché il cliente possa acquistare direttamente però sarà necessario avere un sito internet, cui il social rimanderà l’utente, per finalizzare l’acquisto. Questo in oltre, vi permetterà di tracciare, le persone che hanno visitato le pagine del vostro blog o sito, in maniera molto dettagliata, proponendo così delle pubblicità mirate. Quando un utente si trova su Facebook, anche se potenzialmente interessato alla vostra attività, potrebbe non concludere l’articolo per i motivi più svariati. Inviando in un secondo momento, una sponsorizzazione mirata, aumentano notevolmente le possibilità di concludere la transazione.

facebook negozio
Cosa puoi fare con sponsorizzate Facebook

Strategie su Facebook per un Negozio

Non è possibile definire una strategia, senza prima un attenta analisi dell’attività, della concorrenza e del pubblico di riferimento, e non esistono formule magiche per il successo. In linea generale, quando si gestisce un profilo Facebook aziendale, bisogna delineare un calendario di pubblicazioni. Preparare prima il materiale, e programmarlo con delle scadenze precise. Ricordate che Facebook, non proporrà il vostro post a tutto il vostro pubblico (tutte le persone che hanno messo mi piace e seguono la pagina), ma ad una minima parte. Facebook è un azienda e non una ong.

Quanti post pubblicare alla settimana

Anche in questo caso non esistono regole fisse. La regola più importante è fare delle pubblicazioni, che apportino qualcosa a chi le riceve, evitando ogni intervento estraneo all’attività. Rispettate sempre le scadenza, ed evitate le pubblicazioni schizofreniche. Oggi 30 post, e nessuno per il resto della settimana.

social media negozio
Scegli il Social Media più adatto a incontrare il tuo pubblico

Pubblicità su Facebook, come e quando farla

La pubblicità, quindi le inserzioni a pagamento, funzionano molto bene su Facebook, se fatte con logica e una strategia. Per creare le inserzioni, dovrete aprire il conto Business Manager di Facebook, e installare il pixel sul vostro sito. Questo vi permetterà di fare moltissime cose, e sopratutto delle pubblicità incisive.

Perché non Mettere in evidenza un post su Facebook

L’errore più comune che commette chi si improvvisa su Facebook, è mettere in evidenza un post. Questo servizio, farà raggiungere un determinato post ad un pubblico dettagliato. Aumenterà le visite, i like e i commenti, ma nulla più. Non potrete definire e di conseguenza ricontattare quelle persone, che hanno mostrato interesse verso i vostri servizi e/o prodotti. Nella maggior parte dei casi non seguiranno nemmeno la vostra pagine, ed è altamente possibile, che non leggeranno le risposte ai loro commenti. In sostanza state buttando soldi.

Perché non promuovere con sponsorizzate la vostra pagina Facebook

Un altro servizio offerto e promosso da Facebook è quello di ottenere più like alla pagine, sotto pagamento. Questo servizio è bene ignorarlo del tutto. La vostra attività ha un pubblico di riferimento ben definito, per cui determinate categorie di utenti, a voi non interessano, come a loro non interessa la vostra pagina. Se vi metteranno un like, perché ricevono la sponsorizzazione, in breve lo toglieranno, e comunque non acquisteranno mai un vostro prodotto. Se ad esempio vendiamo assorbenti, un uomo di 70 anni, non sarà mai interessato al nostro prodotto, quindi perché pagare per raggiungerlo?

La regola numero uno per un Social Media Manager

Chiunque nel vostro negozio si occupi della gestione di Facebook, deve avere pazienza, e contare fino a cento, prima di commentare ciò che verrà scritto. Appena pubblicizzerete un prodotto o servizio, in moltissimi vi commenteranno “Prezzo???” Anche se scritto a caratteri cubitali. Ci sarà chi, sosterrà che i vostri prodotti sono inutile o che loro gli acquistano altrove alla metà. Abbiate pazienza, ed evitate di commentare.

Sei sicuro che Facebook è il canale giusto per il tuo Negozio?

Ritorniamo al punto di partenza. Per definire una strategia Social è necessario conoscere l’attività, il pubblico di riferimento e la concorrenza. Per scegliere il canale adatto, i primi due punti sono fondamentali. Quasi tutti bene o male, hanno un profilo Facebook, ma l’utente medio attivo, è solitamente di età avanzata, difficilmente è disposto ad approfondire l’argomento, è spesso diretto ad acquisti impulsivi, e molto spesso si pone dubbioso verso la pubblicità (se paghi per promuoverti è perché non vendi). In oltre negli ultimi tempi, su Facebook sta diventando impossibile mantenere una conversazione educata, e ogni intervento viene visto come un offesa personale. Quindi valutate se questo canale è adatto alla vostra attività, meglio se con delle prove, e poi giudicate dal ritorno che vi ha apportato.

E tu come gestisci il tuo Canale Facebook?

Questo articolo ti è stato utile, per migliorare la gestione del tuo canale social? Riesci ad ottenere contatti e/o vendite mediante Facebook? Se ti serve un aiuto, oppure hai delle domande, puoi Contattarci.

Social Media per Negozi, vendere su Facebook

Come usare i Social Media per i Negozi e vendere su Facebook, ma non solo anche su tantissimi altri canali. La maggior parte delle attività commerciali hanno un profilo Facebook, e se non sono gestite professionalmente, non solo non vendono, ma non portano clienti, e si trovano ad un punto morto. Se vuoi utilizzare i Social Media per promuovere il tuo negozio, questo articolo fa per te.

Social Media per Negozi

Un negozio, per quanto piccolo, e situato in un paesino sperduto, deve utilizzare i Social Media, se desidera aumentare la sua clientela, e avere nuove soluzioni alla sua attività. Questi canali, offrono una visibilità (più o meno) gratuita, e utilizzati con intelligenza, possono apportare tanto. Sfatiamo subito la leggende, non basta aprire una pagina Facebook, per fare Social Media Marketing.

blog negozio
QUESTO ARTICOLO POTREBBE INTERESSARTI: L’importanza di avere un Blog

Come vendere su Facebook

Cominciamo dal Social Media più famoso e utilizzato in Italia. Attenzione, questo non vuol dire che è il migliore per la tua attività. Crea il profilo Facebook della tua attività. Il profilo professionale, non una pagina personale. Se hai un sito internet, importa il tuo catalogo prodotti, se non lo hai, è arrivato il momento di pensarci. Ricorda che a valutare, se i tuoi prodotti rispettano le linee del social media è un algoritmo, e spesso prende del gran cantonate! Buona fortuna.

Perché inserire il catalogo di un negozio su Facebook

Avere il catalogo del tuo sito internet su Facebook, farà si che l’utente interessato possa acquistare direttamente dal social, ciò cui è interessato. In oltre, potrai taggare l’oggetto o il servizio in vendita al post. Sul tuo profilo aziendale, si creerà in automatico (ma comunque potrai gestire) una vetrina con tutti i tuoi prodotti. Questa è una delle ragioni, per cui il profilo personale non va bene.

Fare pubblicità al tuo negozio su Facebook

Sfatiamo subito un altro mito, di chi non ha esperienza di Social Media Marketing, e… si improvvisa. Per fare la pubblicità su Facebook, non devi mettere in evidenza un post. Sicuramente ti porterà molto traffico al sito postato, riceverai reazioni, commenti e like, ma perdi l’essenza della sponsorizzata (e un bel pò di soldini). Per fare pubblicità su Facebook, bisogna utilizzare sempre e soltanto Business Manager. Questo strumento ti consentirà di promuovere un articolo, il sito internet, uno o più prodotti e servizi. Ma non finisce qui, tracciando le visite potrai creare campagne di re targeting. Cioè raggiungere nuovamente quelle persone, che si sono mostrate interessate, ma per mille motivi non hanno acquistato.

vendere su facebook
Per Vendere su Facebook e Instagram utilizza business manager

Shop su Instagram

Instagram è un altro Social Media che fa parte della famiglia Facebook. La cosa più semplice è collegare i due profili, in maniera di gestire gli annunci, sempre con Business Manager e il catalogo insieme. Non pubblicare ciò che hai postato su Facebook, immediatamente su Instagram. Pur appartenendo allo stesso gruppo, sono due canali diversi fra loro. Su Facebook, la fascia di età è sempre più alta, e li potrebbe andar bene un articolo del tuo blog. Instagram invece è estremamente diretto sulle immagini, quindi il consiglio è di scegliere una bella foto, con un titolo e un testo esplicativo.

Hai un negozio? Perché non usare Youtube

Alcuni negozi, possono trovare su Youtube il canale ideale per incontrare il proprio pubblico. Questo Social richiede molto più lavoro, dei due precedenti, ma è in grado di portare risultati anche maggiori. Se per esempio hai una pasticceria, perché non creare un vBlog, in cui spieghi ricette, o parli di determinati dolci. A proposito di blog, ti suggeriamo un nostro articolo, dove ti spieghiamo perché gestire un Blog è molto importante per la tua attività.

social media negozio
Scegli il Social Media più adatto a incontrare il tuo pubblico

Identifica il Social adatto alla tua attività

Come accennato in precedenza, una pagina Facebook, non è detto che sia di aiuto alla tua attività, anzi potrebbe non essere il canale ideale. Ogni Social ha un pubblico di riferimento, quindi identifica quello utilizzato dal tuo. Di seguito sintetizziamo i social, con riferimento al target.

  • Facebook. Pubblico tendenzialmente anziano, che solitamente legge il titolo di un articolo senza approfondire, pensando di informarsi.
  • Instagram. Fascia di età 30 – 50 anni. Le immagini hanno un ruolo fondamentale, creare delle stories interessanti potrebbe aiutarti molto.
  • YouTube. Il secondo motore di ricerca al mondo, funzionano benissimo i tutorial, e puoi far SEO.
  • TikTok. Video molto brevi, inizialmente solo per adolescenti, ma che oggi si sta diffondendo anche su altre fasce di età.
  • Printerest. Adatto per lo più alla moda e abbigliamento, e altri prodotti molto visivi.
  • Google+. Morto e sepolto.
  • Twitter. Velocissimo, forse il social più complicato per fare marketing.
  • Linkedin. Professionale, adatto se vendi beni e servizi professionali. B2B

L’importanza di avere un Blog

Hai un e-commerce, oppure un negozio fisico e non hai un Blog? È giunto il momento di crearlo. La creazione, e sopratutto la gestione di un Blog, porta via molto tempo, ma questo strumento, dal costo bassissimo se non nullo, apporta un valore molto importante alla tua attività. In caso di un e-Commerce, i vantaggi nel gestirlo e usarlo correttamente sono enormi.

A Cosa serve un Blog

Il Blog è uno spazio online, che ti consente, in maniera rapida e semplice, di pubblicare contenuti, che puoi sfruttare per promuovere e far conoscere la tua attività. Poco importa che sia un azienda di grandi dimensioni, un piccolo negozio o uno studio professionale, un blog ben gestito ti metterà in contatto con potenziali clienti, e se sarà in grado di utilizzare al meglio, le più moderne tecniche di Marketing Digitale, migliorerà la tua reputazione, e questi si tradurranno in clienti fidelizzai.

A cosa serve un Blog per un e-commerce

Un e-commerce, o commercio elettronico, non è altro che un negozio, che realizza le sue vendite online. Per una simile attività, un Blog non è semplicemente importante, ma fondamentale. Questo consentirà di far conoscere lo Shop Online, a un pubblico decisamente più ampio, e farà posizionare il sito, su diverse parole chiave. Non solamente quelle strettamente transazionali. Forse penserai che un e-commerce deve vendere. A cosa serve posizionarsi su parole chiave informative?

e-Commerce. L’importanza di avere un Blog

Prima della fase di acquisto, e della ricerca della parola chiave transazionale, solitamente una persona tende ad informarsi, e non unicamente a cercare il miglior servizio o prodotto, al prezzo più conveniente. Probabilmente, cercherà su internet delle informazioni, per capire se quel determinato, bene o servizio, soddisfi le sue necessità. Il Blog di un e-Commerce, serve proprio a soddisfare questa ricerca. Se questa persona raggiungerà il vostro sito, avrete ottenuto un vantaggio sostanziale nei confronti della concorrenza, che non ha un Blog, oppure lo utilizza unicamente per pubblicare i suoi prodotti.

blog parole chiave
Utilizza il tuo Blog, per intercettare le ricerche degli utenti, dove non hai concorrenza

Blog e Commercio Elettronico, un legame fondamentale

Un blog ti farà intercettare la ricerca di informazioni del potenziale cliente, ma ti permetterà di raggiungerlo in un secondo momento, mediante le sponsorizzazioni. In oltre, questo strumento creerà una relazione con il vostro Shop Online, aumentando le visite al vostro sito.

Negozio Fisico. L’importanza di avere un blog

In questo post stiamo parlando dell’utilità del blog, ma la domanda più corretta é perché un negozio fisico, dovrebbe avere un sito internet. Ma di questo ci occuperemo in un altro articolo. Se hai anche un piccolo negozio di quartiere, la gestione di un blog, può aiutarti molto a trovare nuovi clienti, e farti conoscere. Oggi, quasi tute le attività commerciali, ma anche studi professionali, hanno un profilo social, principalmente Facebook. Nella stragrande maggioranza dei casi, poco sfruttato. Mediante un blog, potrai definire un pubblico potenzialmente interessato, raggiungendolo con campagne pubblicitarie mirate. Il Marketing Digitale, serve proprio a questo.

Cosa scrivere in un Blog di un Negozio

Il blog di un negozio, consente di avere uno spazio online, anche senza la necessità di dotarsi di un sito. Cosa che comunque dovresti fare. Nel tuo Blog, dovrai scrivere degli articoli, il più esaustivi possibili, su tutto ciò che è correlato alla tua attività, sia questa vendita di beni materiali o immateriali. Ad esempio, se hai un negozio di abbigliamento, potrai presentare i capi dell’ultima stagione, ma anche consigliare gli abbinamenti nel vestire, o dare dei consigli in materia. Se invece sei imprenditore, di una piccola gelateria, potresti spiegare la lavorazione del gelato, magari con dei tutorial, che spiegano come realizzare quelli più semplici. Forse penserai che l’utente li realizzerà a casa e non verrà in negozio. Sbagliato, se chi ha letto e trovato utile il tuo articolo si troverà in zona, verrà sicuramente a provare il tuo gelato, perché ti vedrà come un autorità competente in materia.

trova clienti con blog
Diventa autorevole nel tuo settore, fornendo risposte esaustive alle ricerche, e richieste dei clienti

L’importanza di un Blog per uno Studio Professionale

Perché un professionista, un avvocato o un commercialista, dovrebbe avere un blog? Quante volte devi inviare un maligno a tutti i tuoi clienti, per comunicare informazioni, che di fatto sono pubbliche? Quante volte, ti vengono fatte le stesse domande, su pratiche e procedure? Puoi rispondere a tutte queste domande, con un articolo su un blog. Questo raggiungerà non solamente chi è già tuo cliente, ma anche nuove persone con le stesse necessità, e se avranno bisogno di un servizio simile, sicuramente ti contatteranno.

Comincia a Scrivere un Blog

Comincia subito a scrivere il tuo Blog, cercando di intercettare le necessità della tua clientela. Identifica cosa cerca, e cosa ha bisogno, creando del materiale il più completo possibile, con lo scopo di soddisfare le sue necessità, e non cercare di vendergli per forza, qualcosa di cui non ha bisogno.