Mondiali di Russia 2018, già vinti dalla Cina

Mondiali di Russia 2018, già vinti dalla Cina

giugno 14, 2018 0 Di Geco Marketing

La Cina non partecipa ai Mondiali di Russia 2018, ma non solo si è imposta nelle sponsorizzazioni, ma è anche il Paese che più cresce nella spesa pubblicitaria.

Logo Fifa, Russia 2018

Cominciano i Mondiali della pubblicità

In Russia sono appena iniziati i Mondiali di Calcio che sono una grandissima opportunità per i padroni di casa ed anche per tutti i partecipanti che concorreranno per vincere il titolo. Questi eventi però sono anche delle vetrine enormi per tutti i marchi che hanno deciso di investire, e mai come in questi casi vige la regola, più spendi maggiore sarà il ritorno dell’investimento. Secondo le stime in questi campionati si spenderanno circa 2.400 milioni di dollari in pubblicità, a questo si deve aggiungere tutte le sponsorizzazioni ai programmi che copriranno l’evento.

Fifa un brend complicato

Questo torneo però sarà differente dagli altri, per varie problematiche che si sono registrate negli ultimi anni. Da un lato gli scandali che hanno colpito la FIFA, coinvolta in numerose inchieste riguardanti la corruzione, fra cui anche la scelta, probabilmente non troppo felice del Paese ospitante. Queste situazioni hanno reso “tossico” il Brand FIFA e molti investitori delle edizioni passate hanno preferito investire meno, o addirittura non farlo affatto.

La Cina alla conquista del Calcio

Il Calendario Cinese

Queste difficoltà hanno modificato i calendari dei patrocinatori occidentali, non convinti di affiancare la portai immagine a quella di Russia 2018. Questi scrupoli invece non se li sono fatti i marchi Cinesi, che approfittando dei ritardi dei concorrenti occidentali gli hanno battuti sul tempo. Le aziende cinesi, che sono sempre più forti e ricche si vogliono imporre anche nei mercati europei e americani, quindi quale migliore occasione per farsi conoscere di un mondiale di calcio? In oltre il gioco del pallone si sta sviluppando anche nel Paese asiatico, tutto ciò ha reso possibile che gli investimenti cinesi siano superiori a quelli degli Stati Uniti ed anche della Russia.

Cina, la terra promessa del calcio

I grandi marchi cinesi si posizionano come patrocinatori della Fifa, associati direttamente ai mondiali, ma l’obbiettivo è ancora più ambizioso. Per il governo Cinese questo evento è un traino per affermarsi nel calcio che conta, con l’obbiettivo di divenire nel 2030 il Paese ospitante, grazie anche agli investimenti fatti sul movimento nazionale e sui club esteri (Inter e Milan fra gli altri).

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo