AutoDraw: Come disegnare senza saperlo fare

AutoDraw: Come disegnare senza saperlo fare

giugno 13, 2018 0 Di Geco Marketing

Quanti di noi hanno si sono cimentati nel disegno senza mai riuscire ad ottenere risultati decenti? Oggi grazie a un programma di Google, AutoDraw, potrete realizzare disegni bellissimi con il mino sforzo.

Il talento artistico nascosto. Fin troppo bene

Probabilmente quando andavate a scuola i vostri insegnanti non apprezzavano molto le vostre opere d’arte. Questo probabilmente vi ha fatto abbandonare ogni velleità artistiche. Oggi però la tecnologia ci viene incontro. Probabilmente conoscete già Adobe Sensei che in modo semplice ed intuitivo ci aiuta nei processi di Photoshop anche se non siamo esperti utilizzatori del programma, ma ciò che ha preparato Google va ben oltre.

Google ci fornisce Autodraw, vediamo in cosa consiste

Questo programma in realtà è un gioco piuttosto semplice che sfrutta l’intelligenza artificiale, ma produce dei risultati stupefacenti. Quando si inizia a disegnare il sistema di Autodraw comincia ad indovinare ciò che in realtà vogliamo disegnare, proponendoci una libreria con oggetti che secondo lui stiamo cerando di replicare. Ovviamente i disegni che ci suggerisce Google sono ben realizzati. Questo programma è molto divertente, quindi ciò che resta da fare è provarlo: AutoDraw.

Da Quick Draw a AutoDraw

AutoDraw sfrutta la tecnologia di un altro programma di Google, Quick Draw che ci chiede di disegnare qualcosa, che il sistema cerca di interpretare il tutto in 20 secondi ed ogni partita si struttura in sei disegni. Se il sistema individua le nostre intenzioni, l’informazione viene immagazzinata nel sistema, altrimenti sarà divertente ascoltare la sua interpretazione. Mettiti alla prova con Quick Draw.

Un gioco molto serio

Questi giochi rilasciati da Google fanno parte di un progetto Creative Lab che invece è molto serio. Lo sviluppo di questa intelligenza artificiale viene usato per migliorare i sistemi di Google Assistant, la vocina che interagisce con noi mediante il nostro smartphone (Android) e per progetti futuri.

Ti è piaciuto quest’articolo? Allora condividilo